Day Hospital Borgo Wuhrer +39030360132 +393881754796 reception@dayhospitalbw.it

Microautotrapiante Follicolare

DI COSA SI TRATTA

Efficace nella risoluzione della alopecia androgenetica: un problema di natura complessa e diffusamente sentito soprattutto nel genere maschile

Medicina estetica

Il paziente che si rivolge al chirurgo plastico per ovviare alla mancata presenza o al diradamento dei capelli, al di là della problematica estetica, prova una sensazione generale di malessere, che in alcuni casi si concreta in episodi occasionali di fobìa e di ossessione con notevoli ripercussioni sulla propria vita di relazione.

La tecnica ha origine nei primi anni '60: per circa trent'anni si sono trapiantati piccoli segmenti circolari di cuoio capelluto (isole) ciascuno contenente dagli 8 ai 12 bulbi prelevati dalla regione posteriore del capo; questi venivano poi trapiantati nelle zone glabre (calve) con un ottimo risultato funzionale, ma esteticamente non piacevole (effetto a ``ciuffo`` o a ``bambola``).

SOLUZIONE

Negli ultimi tempi si è avuto un’evoluzione ed un affinamento della tattica chirurgica, tesi ad offrire un esito più naturale possibile: si dividono le isole di cuoio capelluto in unità monofollicolari, cioè microsegmenti di cuoio capelluto contenenti uno o più bulbi (con un massimo di tre o quattro bulbi), insieme alle strutture pilosebacee annesse, che vengono reimpiantate nella zona desiderata.

Il numero di capelli che si può recuperare con tale metodologia è estremamente variabile e dipendente da:

  • dalla quantità di bulbi presenti per ogni isola donatrice
  • dalla loro fase o ciclo vitale (anagen, catagen, telogen)
  • dalle condizioni psicofisiche del paziente
  • dal numero di sedute previste in relazione all’evoluzione della calvizie.

capelli trapiantati non sono sottoposti alle influenze ormonali che ne provocano la caduta e si considerano pertanto definitivi. L’area posteriore destinata al prelievo, di larghezza pari a 1,5 centimetri e di lunghezza variabile, viene rasata: l’area donatrice, dopo il prelievo, verrà suturata con una minuziosa chiusura intradermica destinata a rimanere invisibile, quanto nascosta dai capelli.